PREZZO VALORE E SALDO SUCCESSIVO ALL’ATTO PUBBLICO

MECCANISMO DEL PREZZO VALORE IN CASO DI SALDO DIFFERITO
 
Con la Risoluzione n. 53/E del 20 maggio 2014 l’Agenzia delle Entrate ha dato risposta ad un quesito di un contribuente, andando a chiarire un aspetto importante del cosiddetto meccanismo del “prezzo-valore”.
Ai fini dell’applicazione del “prezzo-valore” e della relativa tassazione è necessario che le parti, aventi diritto, rendano in atto un’apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà recante l’indicazione analitica dell’importo versato e delle modalità di pagamento del corrispettivo.
In mancanza di detta dichiarazione l’Amministrazione finanziaria può intervenire e sottoporre ad accertamento di valore l’immobile oggetto del trasferimento.
Ma non solo.
Nel caso in cui le parti abbiano previsto il pagamento del saldo del prezzo successivamente al rogito notarile, non risulta per loro possibile fornire gli estremi di quei pagamenti che non sono stati ancora effettuati alla sottoscrizione dell’atto pubblico. In questo caso, chiedeva il contribuente, si decade dai benefici del “prezzo valore”? Il quesito posto è di una certa rilevanza in quanto la violazione dell’obbligo di dichiarare in atto, oltre al valore della vendita, gli estremi dei pagamenti comporta:
  • una sanzione amministrativa da 500 a 10.000 euro ai fini dell’imposta di registro;
  • l’assoggettamento dell’atto alla procedura di accertamento di valore ex art. 52, comma 1 del T.U.R.;
  • una sanzione di natura penale per dichiarazione mendace ex art. 76 D.P.R. n. 445/2000
L’Agenzia delle Entrate ha ritenuto che la tracciabilità possa essere pretesa solo in relazione a quei pagamenti che sono già stati effettuati alla data della sottoscrizione dell’atto pubblico. Per quanto concerne i pagamenti rinviati ad un momento successivo rispetto al perfezionamento degli atti di cessione di diritti immobiliari,l’obbligo può essere assolto fornendo sempre in atto gli elementi utili alla loro identificazione in termini di
  • tempi
  • importi
  • modalità di versamento del saldo del prezzo
In presenza di tali indicazioni l’Agenzia delle Entrate  ha escluso che possa essere irrogata la sanzione amministrativa e la correlata sanzione dell’assoggettamento dell’atto alla procedura di accertamento, con sostanziale disapplicazione del regime del “prezzo-valore”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: