LE FAMIGLIE ITALIANE ED IL MERCATO IMMOBILIARE

 

LE FAMIGLIE ITALIANE ED IL MERCATO IMMOBILIARE

Il 15 ottobre u.s. Tecnoborsa ha pubblicato il risultato di un’indagine condotta dal CSEI (Centro Studi sull’Economia Immobiliare), frutto di un’analisi elaborata sulla base di dati statistici riguardanti il comportamento delle famiglie italiane in relazione alla compravendita immobiliare ed al rapporto con le agenzie immobiliari nel corso del biennio 2012-2013.

L’indagine ha rilevato che il 62,3% di famiglie italiane hanno ceduto un’abitazione avvalendosi del servizio di un canale di vendita, valore in crescita rispetto al biennio precedente (12,3 punti percentuali). E’ stato ritenuto che, con ogni probabilità, la crescita sia dovuta alla forte difficoltà di trovare, da soli, un acquirente per il proprio bene, stante il protrarsi della crisi attuale, mentre un canale specializzato dà la percezione di potere aumentare la possibilità di vendita.

Dall’analisi è emerso che il 56,2% delle famiglie, che hanno venduto un’abitazione, hanno utilizzato l’agenzia immobiliare e invece solo il 6,8% è ricorso ad altri consulenti.

Andando a leggere le motivazioni che hanno spinto coloro che hanno venduto a non utilizzare l’agenzia immobiliare, al primo posto si trova il loro costo troppo elevato (78%), al secondo posto e a parità di punteggio (11%), vi sono la scarsità dei servizi di consulenza/assistenza offerti e la carenza delle offerte immobiliari.

Inoltre, a chi non si è rivolto ad alcun professionista per vendere l’immobile è stato chiesto quali canali informativi abbia utilizzato per promuovere il bene oggetto della transazione ed è risultato che:

  • l’81,8% è ricorso al passaparola,
  • il 30,9% ha utilizzato i cartelli vendesi,
  • il 10,9% Internet (di cui 7,3% siti specializzati e 3,6% social network),
  • il 5,5% ha messo annunci su riviste specializzate
  • il 3,6% su quotidiani.

 

Di contro, sul versante “acquirente”, nel biennio 2012-2013 il 43,8% delle famiglie che hanno acquistato un immobile hanno fatto ricorso ad un’agenzia immobiliare, percentuale rimasta sostanzialmente invariata rispetto a quella registrata nel biennio precedente.

Tra i principali motivi del mancato ricorso all’agenzia da parte di chi ha acquistato un immobile il fattore prezzo resta determinante; infatti, in ordine decrescente vi sono: il costo troppo elevato (72,4%), la scarsità di offerte immobiliari (17,8%) e la scarsità dei servizi di assistenza/consulenza offerti (9,8%).

A tutti quelli che hanno acquistato un’abitazione nel biennio 2012-2013 è stato chiesto tramite quali canali informativi sono venuti a conoscenza dell’immobile ed è risultato che:

  • il 42,4% dei casi ciò è avvenuto attraverso il passaparola con amici e conoscenti o i portieri e i custodi degli immobili;
  • il 27,9% tramite un’agenzia immobiliare;
  • il 10,3% attraverso siti e offerte presenti su Internet;
  • il 15,5% dalla lettura di cartelli vendesi;
  • il 2,8% tramite la consultazione di riviste specializzate;
  • lo 0,7% attraverso i quotidiani;
  • lo 0,3% con la consultazione di social network.

 

Il 37% (del 43,8% sopra rilevato) di coloro che hanno utilizzato l’agenzia immobiliare per acquistare il bene ne sono venuti a conoscenza attraverso i seguenti canali:

  • 16,5% consultando siti di offerte immobiliari su Internet;
  • 9,4% notando cartelli vendesi;
  • 7,1% attraverso il passaparola;
  • 2,4% sfogliando riviste specializzate;
  • 1,6% leggendo quotidiani.

(Fonte: Tecnoborsa)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: